Magnetizzatori su misura per l’applicazione nel settore dell’elettronica

By Gordon Kerr | 07 Settembre 2022

Magneti ad alto potere (es. Neodimio Terre Rare) costituiscono una parte essenziale in molti dispositivi elettrici di uso comune. Il caricamento di questi piccoli magneti per l’uso in applicazioni elettroniche spesso richiede un elevato livello di precisione. Un tipico esempio è quello in cui il magnete interagisce con un sensore per confermare che un componente si trovi nella posizione corretta. Ecco perché Bunting ha progettato e costruito un magnetizzatore su misura, specifico per questi utilizzi.

Doppio magnetizzatore durante il collaudo
Doppio magnetizzatore durante il collaudo

Presso la sede europea di Berkhamsted, nel Regno Unito, il team tecnico di Bunting progetta magnetizzatori su misura per l’uso nei mercati dell’elettronica e dei dispositivi commerciali.

Il progetto del magnetizzatore su misura

In un recente progetto, il team di progettazione Bunting si è trovato davanti a un’applicazione difficile. Nel dispositivo elettrico, il piccolo magnete comunica con un sensore per confermare se una parte fondamentale è correttamente posizionata. Normalmente, i magneti permanenti vengono forniti già magnetizzati, ma questo non era possibile per i seguenti motivi:

  • le dimensioni contenute;
  • la smagnetizzazione dovuta al calore durante il processo di sovrastampaggio della plastica;

di conseguenza, la parte del magnete avrebbe dovuto essere inizialmente assemblata e sovrastampata prima della magnetizzazione.

Criteri operativi

Come in molte applicazioni elettroniche, il numero di parti magnetiche da magnetizzare era notevole. Le specifiche prevedevano che un pezzo venisse magnetizzato ogni tre (3) secondi. Il processo produttivo è di 24 ore al giorno, 6 giorni alla settimana. Anche con l’intenso carico di lavoro, si prevedeva che il magnetizzatore avesse una durata minima di 5 anni.

Il progetto del magnetizzatore

La normale frequenza di attivazione del magnetizzazione è di quattro (4) secondi. Per attivarsi ogni tre (3) secondi, Bunting ha introdotto due unità di base. Queste operano in parallelo, magnetizzando due elementi ogni sei (6) secondi. Ciò equivale a dire che il magnetizzatore produce più di 4 milioni di cicli all’anno.

Schermo di visualizzazione del magnetizzatore

Il team di progettazione ha sviluppato l’hardware e il software per consentire alle due unità di base di dialogare tra loro. In questo modo si è garantito che la magnetizzazione avvenisse esattamente nello stesso momento.

I calcoli iniziali del progetto indicavano che la magnetizzazione poteva generare 8 kj di calore in 6 secondi. Con l’obiettivo di utilizzare la minor quantità di energia possibile, l’apparecchio è stato progettato per funzionare a 1400 V invece che ai 3000 V massimi. In questo modo, vengono utilizzati meno di 4 kj per ciclo. Il minore carico energetico ha significato che la sollecitazione dei componenti del caricatore raggiungesse solo il 50%, prolungando così la loro vita utile.

Inoltre, ogni volta che un componente magnetico viene caricato, la bobina di magnetizzazione deve dissipare 4 kj di calore. Per mantenere il funzionamento della bobina a un livello ottimale, viene utilizzato un refrigeratore a circuito chiuso. In questo modo le bobine vengono mantenute al di sotto dei 75 gradi centigradi, estraendo 1 kW di energia tra i due elementi.

Attrezzatura magnetizzante

Progetti del magnetizzatore

Questo è uno dei tanti progetti in cui il team di ingegneria di Bunting ha disegnato un magnetizzatore su misura. Anche se questo era un progetto a funzionamento manuale, altri magnetizzatori sono integrati in sistemi automatizzati. Inoltre, per le operazioni all’estero è possibile fornire un accesso remoto tramite connessioni Ethernet.

Bunting è specializzata nell’offerta di soluzioni magnetiche. Inoltre, vende un’ampia gamma di magneti e componenti magnetici online sotto il marchio Bunting-eMagnets.

Per ulteriori informazioni sui progetti di magnetizzatori su misura e su gruppi magnetici, ti invitiamo a contattarci.

Twitter
Facebook
Instagram
Youtube
LinkedIn
Posted in